Barbie The Icon

Stampa
Lo ammetto ho giocato con le Barbie fino a tardissima età…ma quanto mi paicciono ancora!
A gennaio scorso durante una visita a Milano son stata al MUDEC a vedere la mostra dedicata alla bambola più famosa del mondo. Appena arrivata ho pensato:” e se ci fosse stata quando ero una bambina, avrei “sballato”!”.
Scrivo questo articolo solo ora, alla fine della mostra, perché non voglio dimenticare la sensazione bellissima avuta lì dentro, è stato come tornare ragazzina per qualche ora!
barbie-the-icon

Ho scoperto molte cose sulla mia amica di infanzia: il suo vero nome è Barbara Millicent Roberts, è nata il 9 marzo 1959 a Willows in Wisconsin, l’hanno vestita oltre 100 designers.
La mostra era costituita da circa 500 pezzi suddivisi in sezioni tematiche dedicate ai temi che hanno segnato lo sviluppo della “vita” di Barbie, la cosa più lampante è stata sicuramente il cambiamento a livello di costume (inteso come evoluzione della moda) nella società del XX secolo. A partire dal 1959 si vedono le trasformazioni più profonde che si sono registrate negli ultimi sessant’anni nella moda e nel design, nella famiglia, nel mondo del lavoro femminile, negli usi e costumi dei Paesi nel mondo.
Inutile dirvi che la mia parte preferita è stata quella delle collaborazioni con i vari stilisti e brands da Benetton a Moschino, a Lagerfeld, Loubutin, Versace, Dior, Ralph Lauren e anche quella disegnata dal mitico Tim Gunn (che ho avuto l’opportunità di conoscere la scorsa estate a NY).
Ah prima di andar via le ho scritto una letterina!
xoxo
Stampa