style

Barbie The Icon

Lo ammetto ho giocato con le Barbie fino a tardissima età…ma quanto mi paicciono ancora!
A gennaio scorso durante una visita a Milano son stata al MUDEC a vedere la mostra dedicata alla bambola più famosa del mondo. Appena arrivata ho pensato:” e se ci fosse stata quando ero una bambina, avrei “sballato”!”.
Scrivo questo articolo solo ora, alla fine della mostra, perché non voglio dimenticare la sensazione bellissima avuta lì dentro, è stato come tornare ragazzina per qualche ora!
barbie-the-icon

Ho scoperto molte cose sulla mia amica di infanzia: il suo vero nome è Barbara Millicent Roberts, è nata il 9 marzo 1959 a Willows in Wisconsin, l’hanno vestita oltre 100 designers.
La mostra era costituita da circa 500 pezzi suddivisi in sezioni tematiche dedicate ai temi che hanno segnato lo sviluppo della “vita” di Barbie, la cosa più lampante è stata sicuramente il cambiamento a livello di costume (inteso come evoluzione della moda) nella società del XX secolo. A partire dal 1959 si vedono le trasformazioni più profonde che si sono registrate negli ultimi sessant’anni nella moda e nel design, nella famiglia, nel mondo del lavoro femminile, negli usi e costumi dei Paesi nel mondo.
Inutile dirvi che la mia parte preferita è stata quella delle collaborazioni con i vari stilisti e brands da Benetton a Moschino, a Lagerfeld, Loubutin, Versace, Dior, Ralph Lauren e anche quella disegnata dal mitico Tim Gunn (che ho avuto l’opportunità di conoscere la scorsa estate a NY).
Ah prima di andar via le ho scritto una letterina!
xoxo

Chi seguo su Instagram: Nima Benati

Nima Benati è una giovanissima fotografa di moda, italianissima e talentuosissima. E’ sulla scena da circa 5 anni, ma ha già scattato campagne per famosi brand come Patrizia Pepe, Pin Up Stars, Bikini Lovers e Cruciani. Adoro il suo nome, non so bene perché, è bellissima e non capisco come non sia lei stessa una modella.

nima

 

“la mia mente associa tutto ciò che vedo o faccio ad un possibile shooting perciò mi lascio ispirare da ogni cosa: non c’è limite all’ immaginazione e mai ci sarà”

 

photos via web

Zaira&Vinicio

head

 

Non conosco Vinicio, ma conosco un pochino Zaira. Eh si le nostre strade si sono incrociate quando entrambe abbiamo iniziato a lavorare per un brand spagnolo. Avevamo in comune qualcosina tra cui gli studi in Disegno Industriale se non ricordo male.
Qualche mese fa appaiono sulle mie notizie di FaceBook le foto rubate dal suo/loro matrimonio….le ho fatte vedere a mia sorella, mia cugina a tutte le mie amiche… insomma me ne sono innamorata!
Lo stile del matrimonio semplicemente unico, un ritorno lampante agli anni ’60, la moda e la musica che connubio perfetto, Vogue e Rolling Stone, Converse e Vans…..per non parlare di tutti i particolari che vi lascio però scoprire da sole a questo link: http://www.igloophotoblog.com/blog/ … quando il fotografo fa la differenza!

Zaira ha optato per due fantastici abiti il primo Jovonnista per la cerimonia e l’altro di H&M per il ricevimento…ah vogliamo parlare dei dolci??? MITICA TAVOLATA DI DOLCIUMI VARI!

Ho rubato un pò di foto da FacciaLibro e mi raccomando a voi che pensate di sposarvi prossimamente prendete esempio e spunto da questa ragazza meravigliosa. Bravissima Zaira ancora complimenti, eravate a dir poco meravigliosi!! <3

 

 

Shining. Tom Ford

L’ho già visto 10 volte, ma lo rivedrei altre mille… Poi ditemi voi se quest’uomo, anzi no genio, non è da amare!! La maxi borsa lucida, le gonne con la zip in the back, gli abiti, in particolare quello con le maniche attaccate alla gonna che formano oblò dalla spalla….

 

 

 

I’ve already watch it 10 times, but I would watch it a thousand more … Then tell me if this man, actually genius, is not to love! The maxi shiny bag, skirts with the zipper in the back, the gowns, especially the one with the sleeves attached to the skirt forming porthole from the shoulder ….

Best wedding ever

Lo scorso anno a giugno sono stata testimone del più bel matrimonio a cui sia mai stata invitata, e giuro non lo dico solo perché la sposa è la mia migliore amica (ma perché tutti quelli con cui ho parlato familiari compresi me lo hanno confermato). Ho avuto l’onore di occuparmi degli inviti e libretti per la cerimonia in chiesa, ma anche di essere l’autista ufficiale della sposa, da casa in chiesa e dalla chiesa al ristorante. Non ho foto purtroppo (perché ancora il fotografo non ha dato le ufficiali), ma vi assicuro che è così! Bellissimi gli addobbi floreali casa, chiesa e ristorante (Villa)…tutto sui toni del verde….

Ricordo ancora quanto ho girato per trovare un vestito verde….non ce n’erano se non corti!! Alla fine ho ripiegato sul nero, scontato ma sempre chic!

 

Last year in June I was the bridemaid of the most beautiful wedding I’ve ever been invited to, and I swear I’m not saying it just because the bride is my best friend (but becauseeveryone I spoke to family members including have confirmed). I had the honor to make the invitations and booklets for the ceremony in church, but also to be the official driver of the bride, from home to church and from the church to the restaurant. I have no pictures of  this (because they still have not  the officials one from the photographer ), but I assure you it is true! 

Beautiful floral arrangements home, church and restaurant (Villa) … all shades of green ….I still remember going crazy to find a green dress ….  there were none (affordable)only shorts and I wanted long! At the end I decided  for black, granted, but always chic!

tom ford sunglasses
tiffany necklace and bracelet
swarowsky earrings
pinko dress
marc by marc jacobs shoes

 

Krizia SS 2012

Beh Krizia e Profæshion vanno di pari passo…guardate i colori ella collezione! E questa cinta strepitosa con il muso della pantera….pronta ad attaccare!

Ci piace perché è sportiva, ha rimandi alla pallavolo ( e ci onora), è tecnica, futurista ma ancor più leggerissima e sensualissima la donna Krizia, una donna che non vuole passare inosservata, mai.

Maxiclutch e gigantesche sacche,  pochette da indossare al polso e cinture ad un passo dall’essere bustier fanno la differenza.

 

Spring outfit

 

{1. embroidered cutout wool dress by Tibi; 2. carla straw fedora by Steven Alan; 3. striped wool-blend sweater by Mara Hoffman; 4. corduroy jacket by Chloé; 5. tassel embellished suede ankle bootsby Gucci; 6. croc print leather and nubuck ankle boots by Alexander McQueen; 7. roller straight leg jeans by Current Elliott ; 8. nal mid-calf brushed-leather boots by Ralph Lauren Collection; 9. gabby color-block leather and suede bag by Chloé }

 

My favourite color

Quante di voi sono, come me, fissate con un colore?? qual’è il mio?? beh è il colore dei prati, quello di una pietra strepitosa, ma anche delle cose biologiche sane, è il colore delle piante di una in particolare, che grazie a mia mamma sto bevendo tutti i giorni da circa due mesi, l’aloe vera, fondamentale per qualsiasi tipo di malessere…è il colore della speranza, quella che non muore mai, per un mondo migliore, un posto migliore, è il colore della mensola del mio salone, delle mie nuove scarpe Zara, di un paio di pantaloni estivi…è il verde!
E quest’anno, pensate un po’, è alla base della moda estiva (ma anche quella dello scorso anno ne aveva un bel po’) perché chi ama uno stile colorfull come me, non può non avere un capo verde nell’armadio.

 

How many of you, like me, are obsessed by a color? Which one is mine? It is the color of the grass, the one of a fantastic stone, but also the one of  healthy things , it is the color of the plants, a particular one, that thanks to my mom I am drinking it every day since 2 months ago: aloe, essential for any kind of indisposition…it is the color of the hope, the one that never dies, for a better world, a better place, it is the color of the shelf in my livingroom, of my new Zara’s shoe, of a pair of summer pants…it is the green!

And this year is the base of the summer fashion (but also the one from last year had it a bit) because who loves a colorfull style like me,  cannot live without a green article in the closet.

 

Style: Et No

Sarà che si è parlato di una vacanza tra i leoni per la prossima estate, ma vedo etnico un pò su tutte le passerelle della primavera estate 2012. Potrebbe essere una di quelle cose di cui si parla per un pò durante l’inverno e poi va scemando con l’arrivo dell’estate, però per ora voglio e mi piace pensarci mi scalda anche solo il pensiero! 🙂 Il blu, il nero, il porpora, l’ocra, il bianco colori fantastici per richiamare magiche atmosfere.

Translate »